Mama Marjas

Le Notti dell'Aspide

Follow Us

Facebook Twitter

Mama Marjas

Mama Marjas è una personalità forte e riconosciuta nella moderna scena reggae italiana, e non solo. Dopo il recente album WE LADIES prodotto dal leggendario Adrian Sherwood, Marjas ha travolto molte barriere geografiche e stilistiche, spaziando dal dancehall reggae al roots, dai ritmi afrocaraibici al soul ed hip hop.

Nell’estate 2013 ha pubblicato il nuovo singolo “Io e Te” con un irresistibile ritmo soca, su etichetta Love University.
Il brano “Io e te” offre un ennesima dimostrazione delle affascinanti doti vocali di Mama Marjas, con un stile estremamente fresco e coinvolgente ispirato dal suono di Trinidad più autentico e contemporaneo. Una dimensione stilistica non nuova per Marjas, già percorsa con successo in brani come “Negritude” (2011, Love University Records).
Mama Marjas è un talento naturale, giovane ma molto sicura di se, radicata nella cultura del reggae ma allo stesso tempo versatile con una solida cultura musicale. Mama Marjas domina i palchi ed i sound system con semplicità, estende la voce tra stili e linguaggi diversi, conquista il pubblico per simpatia e bravura.
Dai suoi primi singoli nel 2007, attraverso i suoi primi due album “B-Lady” nel 2009 e “90” nel 2011 fino alle tante collaborazioni con personaggi diversi fra i quali Neffa, i Tre Allegri Ragazzi Morti, Africa Unite, Ensi, Clementino e molti altri, Mama Marjas è diventata una star del reggae italiano, la più richiesta e attesa fra i giovani artisti.
Nel 2012 le due formidabili cantanti reggae italiane Mama Marjas e Miss Mykela, dopo anni di collaborazione live, si sono unite per la prima volta in un unico album ed hanno creato WE LADIES! Un disco d’amore, di lotta e di vita vissuta con la passione delle donne del sud! Reggae music di alto livello internazionale registrata e mixata dal leggendario produttore Adrian Sherwood, per una produzione Love University Records curata da Don Ciccio.
Il We Ladies tour fra l’estate e l’autunno 2012 ha portato Mama Marjas in moltissimi club e festival italiani (fra cui Primo Maggio a Roma in diretta Rai TV, Ferrock, Rock in Roma, Acqua in Testa, Gusto Dopa al Sole, Battiti live, Medimex…) e all’estero (Londra, Miami, Los Angeles, Womex in Grecia, Sziget in Ungheria).
Come parte del progetto We Ladies, Marjas e Mykela hanno anche prodotto un’autentico spettacolo “all ladies” internazionale con le Sista Woman in Reggae, autorevole band anglogiamaicana di sole donne da Londra.
L’incredibile estensione e la forte espressività della voce di Mama Marjas, può essere apprezzata in diversi contesti musicali e stilistici. Fra questi l’incredibile duetto per voce e chitarra con Skip “Little Axe” McDonald, lo straordinario bluesman americano dei Tackhead, celebre per i suoi album su Real World e On-U Sound.

Il live show abituale di Mama Marjas è un travolgente viaggio ritmico attraverso tutte espressioni ritmiche di madre Africa, dal reggae roots e dancehall alla soca, al kuduru, all’hip hop e soprattutto alla soul music. Insieme a Marjas sul palco, il dj Don Ciccio e le altre vocalist Francisca e Kykah, oltre alle coreografie dancehall e caraibiche di Alevanille.

Biografia

Maria Germinario,in arte Mama Marjas è una ragazza nata e cresciuta in Puglia, tra Santeramo e Taranto. Dotata da madre natura di una voce straordinaria, è cresciuta esibendosi già da sei anni con l’orchestra spettacolo dei genitori.
Da ragazza ha studiato violino al Conservatorio di Matera, ed in quella città ha anche avuto anche il suo incontro fatale con la reggae music, cominciando a mettersi in vista nella scena delle dancehall come cantante del sound system Kianka Town.
I primi a scommettere su di lei sono stati i produttori dei One Love Hi Pawa, storico sound ed etichetta di Roma, che nel 2007 le propongono di cantare sul loro “Maria Riddim”. Dalla hit “Everytime” comincia così l’avventura discografica di MaMa Marjas. Segue una trafila di singoli di successo per molti dei produttori dell’underground reggae italiano di inizio millennio come Paolo Baldini, Treble, Macro Marco, ed infine il tarantino Don Ciccio, dj veterano del reggae italiano che diventerà il suo produttore e braccio destro artistico.
Dopo 3 anni di “gavetta” in cui ha girato in lungo e in largo l’italia delle dancehall, nel 2009 MarjaS si è sentita pronta per il suo primo album. Il risultato è il notevole B-LADY, su Love University Records, album che vede la collaborazione di diversi bravi produttori e musicisti. Questo disco fotografa un artista in piena maturazione, perfettamente a suo agio  nel cantare in italiano come in inglese e in dialetto. B-LADY riesce a tirare le somme del lavoro svolto nei primi anni di attività dell’artista, e nello stesso tempo a indicare nuovi percorsi e potenzialità stilistiche, affiancando la dancehall music al dub e sopratutto ad una spiccata vena soul ed R’n’B.
Il successo underground dell’album porta ad un vertiginosa crescita delle esibizioni in tutta Italia, insieme ad un salto di qualità dei suoi spettacoli che ora la vedono in formazione fissa con Don Ciccio come dj ed altre cantanti come Kykah, Miss Mykela e Sista Kinky.  Tutt’ora Marjas è una delle artiste più richieste  e “busy” del reggae italiano, più volte ospite anche di grandi festival internazionali come il Rototom ed il Gusto Dopa al Sole, dove ha lasciato il segno accanto ai più grandi nomi del reggae. La sua apertura al live di Sean Paul nel Gusto Dopa 2010, supportata dalla Michelangelo Buonarroti Band, ha coinvolto oltre 10.000 persone in uno spettacolo indimenticabile. Anche le scatenate coregrafie del ballo da dancehall sono diventate parte integrante del live di Marjas, con la partecipazione dell’autorevole dancehall queen italiana Alevanille.
Il 2010 di Mama Marjas è stato anche un anno particolarmente vivace sul fronte discografico: fra le altre cose, ha partecipato al nuovo album degli Africa Unite, ed ha rappresentato l’Italia nella progetto di Adrian Sherwood “Dub No Frontiers” con il brano “Allarme”, pubblicato come singolo digitale da Love University. Nell’estate 2010 ha pubblicato l’esplosivo singolo “Sexy Love” in compagnia di Neffa, sul ritmo “Bombay mix” innovativo e pieno di energia ballabile. A fine anno la sua voce è apparsa in un brano del remix album dei Tre Allegri Ragazzi Morti “XL Dub Sessions” prodotto da Paolo Baldini.
All’inizio dell’estate 2011 è uscito l’attesissimo secondo album intitolato “90”, sempre prodotto da Don Ciccio su Love University Records, che colpisce per la ricchezza e la varietà dei contenuti: 16 tracce che spaziano tra  reggae, nu soul, soca, hiphop e dancehall. La voce di Marjas raggiunge una maturità che potrebbe reggere il confronto anche con le grandi interpreti del soul internazionale, e le musiche sono fornite da un team di artisti che comprende fra gli altri la Michelangelo Buonarroti Band, Bizzarri Records, Paolo Baldini ed il grande Adrian Sherwood.
Ed è proprio questo leggendario produttore inglese, considerato uno fra i più influenti protagonisti della musica mondiale degli ultimi 30 anni, che ha fornito le musiche per il successivo progetto di Mama Marjas, questa volta in duo con la sua amica e collaboratrice Miss Mykela: il cd album intitolato “We Ladies” esce 2012 su Love University.
Il Primo maggio del 2012 Mama Marjas ha aperto il concertone del Primo Maggio in Piazza San Giovanni a Roma, davanti a 700.000 persone in piazza e in diretta TV su RAI 3. Il We Ladies tour fra l’estate e l’autunno 2012 ha portato Mama Marjas in moltissimi club e festival italiani (fra cui Ferrock, Rock in Roma, Acqua in Testa, Gusto Dopa al Sole, Battiti live, Medimex…) e all’estero (Londra, Miami, Los Angeles, Womex in Grecia, Sziget in Ungheria).
Come parte del progetto We Ladies, Marjas e Mykela hanno anche prodotto un’autentico spettacolo “all ladies” internazionale con le Sista Woman in Reggae, autorevole band anglogiamaicana di sole donne da Londra.
Per il Medimex di Bari a settembre 2012, Mama Marjas ha interpretato alcune canzoni di Domenico Medugno per lo speciale “Meraviglioso Modugno” nel teatro Petruzzelli di Bari, accompagnata dal celebre bluesman americano Little Axe alla chitarra.